Telegram introduce l’autodistruzione dei messaggi

22 ottobre 2013 / Lifestyle / 1048 visualizzazioni
Nessun commento
Scritto da  

Chat segrete e messaggi che si autodistruggono sono le novità che Telegram presenta ai propri utenti.

telegram chat segreta screenshot

Telegram continua con l’evolversi aggiungendo altre nuove funzionalità niente male, che riguarda le chat segrete, i messaggi che si autodistruggono dopo un timer prefissato, e la possibilità di arrestare tutte le sessioni di chat con quella numerazione. Vediamole nello specifico.

 Chat Segrete

Abbiamo oramai capito che Telegram permette di chattare con più dispositivi diversi utilizzando un solo account, e non è necessario che lo smartphone sia connesso né acceso. Ciò vuol dire che se lo smartphone è spento, e voglio chattare con il PC, posso farlo, permettendo anche di visualizzare tutti i messaggi ricevuti ed inviati, in tempo reale, su tutti i dispositivi che abbiamo registrato.

La chat segreta permette di leggere la chat solo dal dispositivo con la quale abbiamo avviato o risposto alla richiesta. Cioè, se riceviamo la richieta di una chat segreta, e l’accettiamo dallo smartphone, non potremo continuare la conversazione sul computer, perché lì risulterà inesistente. E lo stesso vale per chi ha inviato la richiesta per la chat segreta. Inoltre, se un utente farà uno screenshot alla conversazione segreta, ne risulterà una notifica all’interno della chat stessa.

Timer autodistruzione

Nella chat segreta è anche possibile impostare un timer dopo la quale tutti i messaggi (inviati e ricevuti) si cancelleranno automaticamente. Con Telegram un messaggio viene conservato dai server fino a che entrambi gli utenti non lo elimineranno dalla conversazione. Con questo Timer impostato nella chat segreta questo pericolo non sussiste più.

È praticamente il luogo ideale per uno scambio password o un discorso particolarmente sensibile che non deve “uscire allo scoperto”.

Terminare tutte le sessioni

Sempre per il discorso della chat permessa su più dispositivi contemporaneamente, potrebbe capitare di autenticare un client alla nostra utenza per esempio sul computer del lavoro, e all’uscita dall’ufficio dimentichiamo di disabilitarlo.

Con questa funzione è possibile chiudere l’altra sessione in modo tale che se qualcuno in quel momento sta leggendo la vostra conversazione sul PC del lavoro a vostra insaputa, non gli sarà più permesso.

Telegram mi stupisce ad ogni aggiornamento sempre di più, rendendo la mia preferenza su di lui sempre più potente rispetto a WhatsApp. Vi invito ancora a provarlo scaricandolo dal Play Store

Condividi se l'articolo ti è piaciuto, ci aiuterai a crescere