UbuntuMacIntel: Installare Ubuntu al posto di Mac OSX Lion

Dopo tanti tentativi ho finalmente trovato il modo per poter installare Linux come sistema operativo unico sul MacBook, al posto di Mac OSX.

ubuntu su un macbook

Ci ho provato per tantissimo tempo, e alla fine ci sono riuscito. Avevo già avvisato del termine della mia esperienza Apple, e il mio dubbio era solo su che distribuzione Linux utilizzare.

Sono caduto su Ubuntu perché sto partendo da zero e volevo un sistema che avesse un minimo di supporto italiano garantito. Sono consapevole che forse non sarà la distribuzione migliore, ma ho voluto non spingermi oltre.

In quest’articolo vedremo come installare da zero un sistema Ubuntu perfettamente funzionante, eliminando del tutto OS X. Praticamente ci ritroveremo, a partire dal tasto di accensione, direttamente il sistema Ubuntu avviato.

Perché installarlo?

Si è rivelato molto versatile e funzionale. C’è sicuramente la scomodità di dover dipendere da operazioni eseguite in linea di comando, ma si imparano in fretta. Il computer ci ha guadagnato in velocità, in silenziosità (la ventola non gira più come una matta) e la batteria dura quasi un’oretta in più rispetto alla precedente installazione di Lion.

Io consiglio di provarlo, poi è sempre possibile tornare indietro.

Preparativi

I preparativi sono la parte più noiosa. Quello che ci serve è

  • Un DVD con l’installazione del sistema che vogliamo sostituire Mac OS X Lion, così da avere la possibilità di tornare indietro nel caso Ubuntu non ci piacesse.
  • Capire se si può installare un sistema a 64bit, oppure dobbiamo installare la 32. Se vogliamo saperlo dobbiamo aprire il terminale in OS X e digitare il comando uname -a. Se il terminale ci risponde con RELEASE_X86_64 x86_64 allora vuol dire che il kernel è 64bit, se invece risponde con RELEASE_I386 i386 allora è un 32bit. Il mio MacBook è un 32 bit.
  • Andiamo sulla pagina ufficiale della Comunità Italiana di Ubuntu, e scarichiamo una versione di Ubuntu. Io ho scaricato la 16.04.1 a 32 bit.
  • Masterizziamo l’immagine disco che abbiamo appena scaricato su un DVD. Sconsiglio di utilizzare una chiavetta USB, perché l’installazione deve essere avviata in modalità non UEFI, e io nonostante il tempo perduto non sono riuscito a fargliela riconoscere. Il DVD di installazione, invece, riesce a partire tranquillamente in modalità non UEFI.
  • Ci serve una connessione ad internet wireless.
  • Nel caso volessimo tornare a OS X, ci serve una connessione ad internet LAN
  • Facciamo un backup di tutti i nostri dati presenti su OS X. Tutti i nostri dati andranno perduti.

Siamo pronti

Inseriamo nel drive ottico il DVD di installazione di Ubuntu che abbiamo appena masterizzato, e spegniamo il computer. Teniamo premuto il tasto Options (quello con su scritto Alt sinistro, vicino il tasto mela) e cliccate sul tasto di accensione. Il tasto Option deve rimanere premuto finché non viene visualizzata la schermata di selezione del drive.

Spostiamo il cursore sull’icona a forma di DVD, e dopo esserci assicurati di non trovare la scritta EFI nell’etichetta del volume, premiamo su INVIO.

installazione ubuntu msdos

Lo start che dovremo vedere deve essere fatto come questo in figura sopra. Notare il disegnino bianco alla base. Se invece di quel disegnino ci ritroveremo direttamente la scritta Ubuntu in pieno schermo, allora vuol dire che siete in modalità UEFI, e non dovremo proseguire. Ma non sarà così.

All’avvio ci verrà proposto di provare Ubuntu con una live, oppure di installarlo direttamente. Noi avviamo la live, e appena saremo pronti lanceremo Gparted, che è il programma per la gestione della partizione dei dischi.

Selezioniamo il ramo principale del disco dove deve essere installato Ubuntu (nel mio caso è /dev/sda, senza numeri) clicchiamo su Nuova tabella di partizionamento, e sulla finestra di avviso che uscirà fuori andremo a selezionare come modalità msdos.

gparted msdos nuova tabella partizionamento

Si tratta di un passaggio molto importante, perché se non selezioniamo la modalità msdos, allora avremo problemi nell’installazione di grub. Inoltre, questo procedimento deve essere fatto in live, e non durante l’installazione, perché in quest’ultima non è possibile scegliere il tipo di partizionamento msdos.

Clicchiamo su Apply, e dopo aver chiuso Gparted lanciamo l’installazione di Ubuntu.

Installazione di Ubuntu

Ci verrà chiesto di inserire la password di una rete wifi nelle vicinanze. Per rendere l’installazione più rapida deselezioniamo gli aggiornamenti di Ubuntu, perché potremo farli dopo, però il flag dell’installazione di software di terze parti va selezionato.

Sulla selezione del tipo di installazione (Cancellazione di tutto il disco, Reinstallazione, Altro…) clicchiamo su Altro per vederci aprire di nuovo Gparted. A questo punto andremo a creare 3 partizioni, in questo modo

area di swap – 4GB
ext4 – 20GB – punto di mount “/”
ext4 – tutto il resto del disco – punto di mount “/home”

Selezioniamo come driver per l’installazione del bootloader /dev/sda, di nuovo senza numero, e andiamo avanti. A questo punto dovremo andare a inserire solo dati come il nome del computer, l’account del proprietario con la password, e andare sempre avanti.

A questo punto bisogna solo attendere l’installazione e le istruzioni che ci dirà di seguire.

Appena avrà terminato tutto il procedimento, avremo la nostra macchina bella fresca, pulita e nuova per tante altre avventure, e con aggiornamenti sempre freschi.

Immagine del MacBook con Ubuntu di Paul Cooper

  • Fabio

    Ciao
    volevo installare Xubuntu su un A1181 del 2007, ma non riesco ad avviare dal masterizzatore esterno (l’interno è rotto) e neppure da CD mini. Ho provato varie distro e le uniche che si avviano sono la vetusta 10.04 e Debian Jessie, altrimenti mi viene proposto solo di avviare da Hard Disk. Hai qualche idea? Jessie l’ho installata e va benissimo ma avrei preferito Xubuntu, visto che ha qualche automatismo in più che fa comodo.

    • Ciao, purtroppo io ho veramente avuto problemi ad avviare l’installazione senza CD. Purtroppo EFI rompe, pare essere stato messo li apposta.

      Puoi però fare una prova che non ho fatto io:
      – Fai una live di Xubuntu su usb, e avvia in modalità live esattamente come faccio io da cd
      – Crei una nuova partizione msdos, e avvii l’installazione

      Credo che possa funzionare, ma ti ripeto che non ho provato

  • Massimo Conci

    Ciao, riesco ad avviare da DVD tenendo premuto Option ma poi appena appare la schermata di Ubuntu mi da un errore di ubiquity.
    Lo sto installando su un macbook 13″ bianco del 2006, come quello nella tua foto.
    https://uploads.disquscdn.com/images/e64305f75a7769748fbec173ff571cd5815d19fbbde4659b7e648aa552593e9c.jpg

    • Ciao Massimo. Mi puoi spiegare precisamente cosa stai facendo? Stai per caso installando il sistema operativo su un supporto esterno?
      Generalmente quando fuoriesce un problema con ubiquity significa che o c’è un problema sul supporto live usb, oppure che la memoria esterna su cui lo stai installando è danneggiata. Nel tuo caso stai leggendo dal DVD quindi non posso supporre la prima ipotesi. Altri errori non ne conosco.

      Hai chiuso la tendina “Traceback”, li dentro c’è scritto cosa ha causato l’errore.

    • Massimo Conci

      Ciao, ho riprovato 2 volte e poi alla fine ha funzionato… installato tutto ok! grazie comunque per la risposta.

    • Benissimo!! Divertiti con Ubuntu perché è veramente un bell’SO. Saluti.

    • Massimo Conci

      Dato che hai il mio stesso macbook, succede anche a te che le ventole girano sempre, anche se il mac è freddo?
      Grazie per l’aiuto

    • Io ho il modello inizio 2007, precisamente l’A1181. Le ventole non girano sempre, anzi girano meno di quanto faceva con osx, e quando è freddo non si sente nulla.

      Grazie a te per aver commentato, ciao.